2023: Non del tutto un mercato di acquirenti, ma le scorte di fascia alta sono ancora limitate

Di Mickey ALAM KHAN

Riflettendo sulla seconda metà del 2022, la mia impressione è che, mentre la domanda si è ridotta e le scorte disponibili stanno aumentando, gran parte della situazione nella fascia alta rimane invariata.

In parole povere, le scorte di case di lusso non sono ancora sufficienti a soddisfare la domanda.

La mia previsione per il 2023 è che ci muoveremo in pollici, non in piedi. Ci stiamo dirigendo verso un mercato di acquirenti, ma non lo raggiungeremo del tutto.

Quello che speriamo di vedere nel 2023 è una vera stabilizzazione del mercato.

La sensazione generale è che ci sia ancora una forte domanda di immobili di lusso e che i costruttori non riescano a costruire abbastanza velocemente, motivo per cui non abbiamo ancora assistito a una drastica riduzione dei prezzi.

Uno dei parametri più importanti è la domanda complessiva rispetto all'offerta e, a livello di lusso, semplicemente non abbiamo abbastanza offerta - o abbastanza offerta giusta - per soddisfare il bisogno.

Investimento intelligente e stabile

Nella parte alta del mercato, gli acquirenti non dipendono dai mutui. 

Per la maggior parte, le transazioni continuano a essere effettuate in contanti, quindi i recenti aumenti dei tassi, che hanno rallentato in modo significativo il mercato dei mutui per la casa, non hanno avuto un impatto su questo segmento di consumatori.

Inoltre, gli investitori più accorti hanno assistito alle recenti e importanti fluttuazioni del mercato azionario - una componente che ha un impatto su questa fascia di acquirenti di gran lunga superiore a quello dei tassi ipotecari - e riconoscono i vantaggi di investire il proprio denaro nella più stabile delle classi di attività, quella immobiliare.

A mio avviso, il 2020, il 2021 e persino la prima metà del 2022 sono stati anomali. L'anno prossimo sarà molto probabilmente simile a quello che abbiamo visto nel 2019, ovvero un mercato più equilibrato. 

Nel complesso, l'economia si sta ancora muovendo sulla strada giusta. La forza dell'economia, unita ad altri fattori, fa sì che si possa assistere a un rallentamento rispetto agli esplosivi due anni e mezzo appena trascorsi, ma non sarà neanche lontanamente paragonabile a quello che abbiamo visto nel 2008 e nel 2009.

Osservazioni da mercato a mercato

Tra le sorprese e gli elementi chiave che abbiamo osservato in tutta la nostra rete globale alla fine del 2022 ci sono:

  • A Naples, in Florida, l'impatto dell'uragano Ian ha spinto molti consumatori facoltosi a demolire le loro case invece di effettuare costose riparazioni. I proprietari di case in Florida stanno cercando di trasformare le perdite in positivo, ricostruendo strutture più forti e migliori.
  • All'inizio dell'anno abbiamo assistito a un rallentamento a Dallas, in Texas, ma poi a una graduale ripresa in autunno. Gli acquisti in contanti sono stati una tendenza in tutti i grandi mercati dello Stato e i nostri agenti sul posto continuano a vedere consumatori di lusso trasferirsi dalla East Coast e dalla California. Il Texas rimane un mercato di venditori
  • All'estero, in Sudafrica, ad esempio, i prezzi sono ora inferiori del 10-15% rispetto alle richieste. Il rand sudafricano è sceso rispetto alla sterlina britannica e al dollaro statunitense, che stanno alimentando le vendite fuori mercato.
  • A Chicago, il numero di giorni di permanenza sul mercato è aumentato tra le case di fascia alta e ci sono state riduzioni di prezzo.
  • Alle Hawaii continua la storia delle basse scorte. L'interesse internazionale non è diminuito

In breve, anche se le situazioni variano certamente da un mercato all'altro, non vediamo alcuna prova che si stia toccando il fondo.

Il ritorno dell'acquirente internazionale e dei piccoli libri neri

Un'ulteriore previsione per il 2023 è il ritorno agli eventi e alle attivazioni.

L'anno prossimo i libri neri e le relazioni saranno in pieno svolgimento. Gli agenti immobiliari chiedono a gran voce più eventi e celebrazioni di persona.

Ogni momento felice e ogni festività saranno sfruttati come un'opportunità per riunirsi con i clienti e, nella maggior parte dei casi, per ritrovarsi dopo anni di lontananza.

Prevedo inoltre che il prossimo anno le vendite internazionali continueranno ad aumentare.

I livelli di turismo e di visite sono ancora significativamente inferiori a quelli precedenti la pandemia, ma sono in aumento. Si tratta di un elemento chiave del mercato immobiliare di lusso a cui non si è prestata sufficiente attenzione.

Le città costiere, come New York e Miami, hanno avuto un boom grazie alle vendite ai visitatori internazionali. Sebbene il mercato sia quasi scomparso a causa del COVID-19, il suo eventuale ritorno è un elemento chiave della compravendita di immobili residenziali di lusso.

La definizione di casa è cambiata per sempre

Infine, se c'è un fattore permanente che è cambiato negli ultimi due anni, è che la nostra visione della casa si è spostata da un luogo in cui schiantarsi a un centro di gravità.

Questa ridefinizione non è destinata a vacillare, dato che il lavoro da casa continua a far parte della vita di tutti i giorni e che i consumatori danno maggiore importanza ai servizi in casa per l'intrattenimento, il benessere e gli incontri.

Mickey ALAM KHAN è presidente, con sede a New York, di Luxury Portfolio International, la principale rete mondiale di agenzie immobiliari di lusso indipendenti. È anche fondatore di Luxury Daily. Instagram: @MickeyAlamKhan