La serie evidenzia una forma di terapia non tradizionale: il viaggio

Di LISA KLEIN

Viaggiare in posti nuovi può avere molte funzioni. Può essere un'esperienza di apprendimento di un'altra cultura, un'avventura adrenalinica, una settimana di shopping e di cibo di prima qualità o una pausa di pace.

Per Karen Schaler, giornalista televisiva vincitrice di un Emmy, tutte queste cose e altre ancora fanno del viaggio una forma di terapia, e la sua serie televisiva e YouTube, Travel Therapy TVe il libro Travel Therapy: Where Do You Need to Go?, hanno lo scopo di aiutare i consumatori a utilizzare le loro vacanze per diventare più felici e più sani, indipendentemente dal luogo in cui hanno bisogno di una spinta in quel momento.

Da corrispondente di guerra in Bosnia e Afghanistan a conduttrice del programma Travel Now della ABC, la signora Schaler ha accumulato molti chilometri prima che la sua idea si trasformasse non solo in un programma di viaggi e in un libro, ma anche in una serie di romanzi sulle vacanze, sceneggiature e un pacchetto di viaggi per il Christmas Camp.

Qui la signora Schaler parla del suo percorso verso la Travel Therapy.

Come è nata l'idea del viaggio come terapia? Qual è stata la scintilla che ha dato il via a tutto?

Da sempre ho usato i viaggi come terapia, come modo per rilassarmi, riavviarmi e ricaricarmi. Ma è stato solo quando sono tornato dall'Afghanistan nel 2007, dopo aver lavorato come corrispondente televisivo incorporato in un'unità di elicotteri Apache da combattimento, che ho messo insieme le due parole dicendo a un amico: "Ho bisogno di una pausa. Ho bisogno di una terapia di viaggio".

Può parlarmi del libro e della serie di video Travel Therapy che sono nati da questa idea?

Non appena ho messo insieme viaggio e terapia, le ruote del giornalismo nella mia testa hanno iniziato a girare. Sapevo per esperienza personale quanto potesse essere potente il concetto di viaggio per la terapia. Il mio primo pensiero è stato quello di creare contenuti di Travel Therapy su più piattaforme.

Tutto questo accadeva nel 2007, prima che ci fossero Instagram e gli influencer che viaggiavano in tutto il mondo, abbracciando esperienze di viaggio e postando belle foto. Nessuno parlava di viaggi come terapia, ma sapevo che se avessi potuto mostrare alle persone come viaggiare nei posti giusti potesse contribuire a risollevare, ispirare e potenziare le loro vite, questo sarebbe stato un nuovo modo positivo per essere ancora un reporter e dare un contributo.

Il mio obiettivo era creare un programma di viaggi, un libro, un sito web e qualsiasi altra cosa potessi fare per contribuire a diffondere il messaggio di Travel Therapy. Così ho lasciato la mia carriera di giornalista televisivo, ho incassato i miei risparmi e mi sono trasferita a New York City per ribattezzarmi come esperta di viaggi e ricominciare praticamente da capo.

Finora ho viaggiato in più di 68 Paesi e ho realizzato più di 200 segmenti televisivi di Travel Therapy.

Ora più che mai credo che tutti noi dobbiamo scegliere con saggezza i nostri viaggi, che ci permetteranno di guarire, di rigenerarci e di vivere al meglio la nostra vita.

Cosa c'è nel viaggio che agisce come una forma di terapia? Perché funziona?

Per me, la Travel Therapy consiste nello scegliere i viaggi da fare in base a ciò che si sta vivendo nella vita. Il mio libro Travel Therapy e il mio sito web vi aiutano a scegliere i viaggi e le vacanze giusti in base alle vostre esigenze.

Siete stressati al lavoro? State attraversando una rottura? Avete bisogno di ispirazione? Volete riavviare la vostra vita? Credo che possiate cambiare il vostro atteggiamento cambiando il vostro ambiente e lasciando che la Travel Therapy sia il vostro passaporto per una vita più sana e felice. 

Quali sono i consigli per adattare una destinazione a ciò che vi serve in quel momento?

Un punto fondamentale che sottolineo sempre è che non esiste una terapia di viaggio che vada bene per tutti. Ognuno è unico e ha bisogno di esperienze diverse per la propria terapia personale.

Ad esempio, se siete stressati, per alcuni la fuga ideale per la Travel Therapy sarebbe andare in una spa di alto livello o in una spiaggia tranquilla dove rilassarsi e distendersi.

Ma per alcune persone che cercano di rilassarsi, queste fughe tranquille le farebbero impazzire. Per rilassarsi hanno bisogno di uscire dalla loro testa e di sfidare se stessi con una nuova avventura come l'escursionismo, l'alpinismo, la guida di un'auto da corsa, l'immersione con gli squali: l'idea è quella giusta.  

Nel mio libro Travel Therapy, ho anche un divertente quiz da fare per aiutarvi a decidere quale viaggio dovete fare. Il segreto è non limitarsi a prenotare il primo viaggio che si trova in offerta, ma pensare davvero a ciò che si vuole da quel viaggio per non tornare a casa delusi e ancora più stressati.

Lei ha scritto diversi libri e sceneggiature incentrati sulle festività natalizie e ora ha un vero e proprio Christmas Camp. Come è nato tutto questo?

Il primo film che ho scritto, il successo originale di Netflix, A Christmas Prince, è stato ispirato da alcuni segmenti televisivi di Travel Therapy che ho realizzato in Galles, dove ho seguito le orme dei reali. Da quel momento in poi, tutti i film e i romanzi che ho scritto sono stati ispirati dai viaggi di Travel Therapy che ho fatto.

Quando ho scritto il mio film originale per Hallmark, Christmas Camp, su una donna che viene mandata in un incantevole B&B per "aggiustare l'atteggiamento natalizio", mi sono innamorata dell'idea. Volevo creare un luogo reale come il mio immaginario Christmas Camp, dove le persone potessero immergersi in attività festive che rappresentassero il vero significato e la magia del Natale.

Così, dopo aver scritto il film per Hallmark, ho scritto anche i libri, Christmas Camp e Christmas Camp Wedding, per HarperCollins, in modo che i libri potessero uscire nello stesso periodo del film. Ho poi registrato il marchio e creato un'esperienza reale di Christmas Camp per resort, destinazioni e hotel di tutto il mondo.

Christmas Camp è ora un'altra Travel Therapy in cui potete scegliere il Christmas Camp di cui avete bisogno. Siete alla ricerca di un'ambientazione invernale innevata? Oppure volete sfuggire al freddo e organizzare il vostro campo di Natale in un ambiente tropicale?  

Ho iniziato a collaborare con il pluripremiato The Phoenician, a Luxury Collection Resort, a Scottsdale, in Arizona, creando esperienze di Christmas Camps e pacchetti resort unici nel loro genere per due settimane. Abbiamo esaurito centinaia di camere in poche ore.

Quali sono le sue esperienze di viaggio preferite?

Chiedermi di scegliere le mie esperienze di Travel Therapy preferite è come chiedermi di scegliere un figlio preferito. Faccio così tante ricerche prima di partire per un viaggio per assicurarmi che sia quello giusto per la Travel Therapy da consigliare ai miei follower, che ho avuto la fortuna di vivere tante esperienze di viaggio che mi hanno cambiato la vita.

Ho appena trascorso diverse settimane nella magica Harbour Island, alle Bahamas, per lavorare al mio prossimo romanzo e alla mia sceneggiatura, perché questa piccola gemma nascosta di un'isola mi ispira sempre moltissimo. Dalla gente calorosa e amichevole alle tranquille spiagge di sabbia rosa, Harbour Island è una delle mete preferite di Travel Therapy che non delude mai.

Il viaggio in Africa sarà sempre in cima alla mia lista di viaggi Travel Therapy se siete alla ricerca di un viaggio in cui potete fare del bene e dare qualcosa in cambio.

Ho trascorso un mese in Malawi facendo volontariato in un piccolo orfanotrofio che non aveva né corrente né acqua e questo ha cambiato la mia vita in molti modi.

Ho anche trascorso un mese fantastico in Sudafrica, alla scoperta di esperienze uniche e di luoghi da consigliare per i viaggi di Travel Therapy che sono davvero fuori dai sentieri battuti.

Un altro dei miei preferiti, quando voglio staccare la spina e allontanarmi da tutto, è esplorare isole incantevoli che la maggior parte dei turisti non conosce in luoghi come la Grecia, la Thailandia, la Turchia e i Caraibi.

Per fare il giro delle isole dove le navi da crociera non vanno, mi piace noleggiare una barca a vela o un catamarano, dove si possono trovare offerte incredibili in bassa stagione. Credetemi, è molto più conveniente di quanto possiate pensare. Una delle mie destinazioni preferite sono le Isole Vergini Britanniche.